Al Granello è tempo di comunicare!

0
1619

Nessuno può permettersi di star fermo ad aspettare. Comunicare e raccontarsi è ormai indispensabile per informare e promuovere una realtà come un’attività. Nello staff della Cooperativa Sociale “Il Granello” di Cislago il compito di comunicare è nella testa nelle mani di Luca Alberti e Nicola Gioacchini, impegnati in una mezza giornata di ogni settimana, a recepire e rilanciare notizie e informazioni utili provenienti dalla galassia Granello arrivata al suo trentesimo anno di attività.
“Io sono al Granello da ormai sette anni – racconta Luca – occupandomi in qualche modo di informatica tre anni fa mi venne chiesto di creare un sito per presentare i nostri servizi e le attività. All’inizio me ne sono occupato con Ilary poi passata al lavoro nel reparto assemblaggio, sostituita da Nicola. Prima di allora mì ero sempre limitato a realizzare siti e curarli tecnicamente lasciando il contenuto ai committenti.
Invece, al Granello mi hanno chiesto un salto di qualità unendo i due aspetti, di fatto organizzare una vera e propria redazione per comunicare e informare. Mica facile”.
Talmente “mica facile” che in molti lo fanno ma “mica tutti” in modo efficace.
“Indubbiamente un sito da solo non è un mezzo efficace per comunicare – interviene Nicola, 33 anni, con encefalite batterica da pneumococco dall’età di 7 mesi, tecnico di servizi sociali e geometra – Comunicare è una necessità complessa. Per noi ‘carrozzati’ e all’interno di una realtà diventata grande e variegata come la nostra lo ancora di più. Il nostro primo obiettivo è logicamente quello di aprirci e raccontarci all’esterno perché chi ci frequenta, intendo gli operatori, i volontari e le nostre famiglie sanno bene cosa e come riempie le nostre giornate. Vogliamo coinvolgere sempre più gente in merito alle nostre problematiche, non solo legate alla disabilità, e al lavoro che svolgiamo”.
Quali difficolta avete avuto o state incontrando?
“Principalmente il tempo – continua Nicola – Durante la settimana il tempo da dedicare al sito è sempre troppo poco. Attualmente il martedì mattina è l’unica mezza giornata che possiamo dedicargli. Per la nostra limitata manualità è davvero troppo poco. Oltre al fatto che all’interno della nostra cooperativa l’abitudine a fornirci materiale e notizie è ancora da consolidare”.
Non è un’esclusiva del Granello sentire la necessità di farsi conoscere e comunicare senza poi sforzarsi di far sapere a media e canali di settore, iniziative, servizi e attività. Quasi mai per mancanza di volontà, quasi sempre per mancanza di tempo, spesso per mancanza di attrezzatura o ausili adeguati.
“Al Granello l’attrezzatura, nello specifico un pc, non manca – risponde Luca – Lo stesso vale per la nostra volontà e quella dei vari responsabili dei corsi e dei laboratori. Quindi è solo questione di riuscire a ricavare il tempo necessario e far crescere la comunicazione al nostro interno per poi favorire il nostro lavoro”.
Quest’anno Il Granello compie trent’anni. Compleanno e traguardo importante da festeggiare al meglio.
“Certo che si! – continua Luca – Come prima cosa sta girando il nostro musical “GreaseLand” che venerdì 24 febbraio andrà in scena al Cineteatro di Caronno Pertusella, dove come sempre io sarò in veste di tecnico delle luci e Nicola in quelle di attore, con entrata libera.
Gli spettacoli del Granello sono il messaggio più bello che lanciamo in ogni replica per far conoscere quello che ogni persona con ogni disabilità può fare, autonomamente o con minimi aiuti”.
Nicola come hai scoperto Il Granello?
“Quattro anni fa, con in mano il diploma di tecnico di servizi sociali e di geometra, mi sono ritrovato in casa non sapendo cosa fare. Allora mi sono detto che dovevo uscire per trovare una strada e una vita tutta mia. Mi sono rivolto agli assistenti sociali del mio Comune di residenza, Saronno, ricevendo l’indicazione del Granello come realtà ideale per la mia condizione”.
Luca?
“Anch’io per un po’ di tempo sono rimasto in casa poi un mio parente ha chiesto la disponibilità alla Nostra Famiglia di Cislago dove mi dirottarono alla sede di Castiglione Olona che comprende anche un servizio di riabilitazione e dove ho frequentato un corso di avviamento al lavoro. Essendo di Cislago, il Granello lo conoscevo già perché ogni tanto venivo chiamato per fare assistenza sui pc. Dal venirci ogni tanto a restarci è stata una naturale conseguenza”.
A questo punto Luca e Nicola mi cacciano via. Se il problema principale per arricchire il sito del Granello è il tempo quello riservato alla chiacchierata è già troppo. Buon lavoro!