“La nostra banca è differente”…

0
1089

La Sestero è entrata nel suo settimo anno e per vedere se la storia sulla crisi è vera o no abbiamo provato a non scrivere da nessuna parte della cena sociale. Unico preavvertito è stato il magico Johnny della Pizzeria Sasso Bianco di Gavirate. “Okay ma non più di 70 persone”. Memore del pranzo post presentazione dello Ski Tour Freerider 2017 del dicembre scorso quando alla raccomandazione di non essere più di 50 persone ci presentammo in 95, l’unica preoccupazione del buon Johnny è stata quella del numero massimo. Cercando di accontentarlo io, Sergio e Stefano abbiamo evitato annunci e inviti. Ci siamo impegnati tenendo botta ma inutilmente. Tre giorni ed eravamo già 91!
A quel punto è scattata le verifica a tappeto. Ci sei? Sicuro? Da solo? Ecco gli ultimi due mesi sono trascorsi così. Morale? Tra scoraggiamenti mirati e imprevisti dell’ultima ora siamo arrivati a quota 78! Presenti diverse comunità per diversi motivi, unite dallo stesso spirito. L’occasione è servita per più consegne. Dal nuovo video della Polha al contributo per la Cooperativa Il Millepiedi, dalla foto meraviglia donata dalla famiglia Borsoi arrivata da Falzè di Piave per riabbracciare I Vott de la Vesiga, gruppo gastroenoculturale varesino ospitato la prima notte della prima uscita nell’ormai lontano 2014, alla consegna agli stessi Vott del resoconto fotografico dell’uscita in terra spagnola, nella Comunità Valenciana, del 2016. E poi i video della Freerider e della Polha che hanno seminato emozioni, seguiti da uno misto colore e bianconero che semina sempre pensieri e insegnando a salutare la vittoria del primo restando sempre e comunque al fianco dell’ultimo.
Sestero e Freerider condividono amicizie, attività e l’inevitabile conseguenza di far sembrare troppo piccolo qualsiasi ambiente, Un ristorante come un albergo o un teatro, una pista di sci come un centro sportivo. Chi non c’è vorrebbe esserci, chi c’è se lo ricorda. Amicizia che azzera inchini, distanze, inviti, annunci e ricerca risorse.
Nessuno è più ricco di noi perché…”la nostra banca è differente”…