I frutti del Granello: le persone

0
1595

Dopo la prima al Teatro Pasta di Saronno seguita da una lunga serie di repliche in piazze, teatri e scuole, il musical “GreaseLand” della Cooperativa Il Granello è arrivato all’appuntamento più sentito, a casa sua, nel cuore di Cisalgo. E’ stata una festa di compleanno fantastica dove nessuno si è sentito comparsa, tutti decisi, sul palco e in piazza, a recitare il ruolo dei protagonisti, decisi a continuare a scrivere una storia iniziata trent’anni fa. Un inno alla persona che è ben rappresentato da una battuta nei primi minuti del musical di un attore in carrozzina che rispondendo ad uno sfottò dell’amico “capobranco” dice:”Ciccio guarda che se mi alzo sono più grande di te”.
Eccolo lo spirito del Granello! Il Granello che cade e muore ma proprio per questo genera un frutto. Non eroi ma nemmeno poveretti: persone. Persone magari anche sedute ma sempre in piedi davanti ad ogni difficoltà che la vita gli riserva. Uno spirito di trent’anni che crescendo contagia chiunque lo incontra, chiunque bussa alla sua porta, in cerca di risposte o anche solo di una mano aperta che possa stringere la sua. Dalla prima in poi ogni replica di “Greaseland” è in realtà una prima. Ogni prova è un prima, ogni volta dietro le quinte, in platea, nei camerini più o meno improvvisati com’è stato per la sacrestia della chiesa di Cislago è una prima. Occhi lucidi si ma non lacrime e nel caso lacrime di gioia e d’orgoglio per una storia scritta da persone che: “Tutto sommato il Granello sta bene e quindi devolviamo il ricavato della serata a chi ha qualche difficoltà in più e si impegna nel far crescere i bambini del nostro paese, il nostro futuro”.
Quante storie, quante persone, quanto cuore. Per una sera, nel paese dov’è nata e cresciuta, l’idea del Granello s’è fermata per ringraziare le persone e stringere mani che si sono passate un testimone fino a portarlo al traguardo dei trent’anni.
Partecipazione, emozione, entusiasmo e un pizzico di nostalgia, la miscela di un carburante benefico utile a rimettersi in viaggio, sognando altri incontri, spazi, attività, una casa in più, magari nel centro di una città. Impegno, spirito, valori e sogni contagiosi con una porta sempre aperta, in Via Enrico Mattei 141, a Cislago.