Bocce e integrazione: un’isola che c’è!

0
1647

Una giornata piena intervallata da un pranzo che ha messo intorno alla tavola imbandita del bocciodromo di Malnate dirigenti e giocatori locali, il Vharese, l’Asa Varese e La Cooperativa La Finestra di Malnate. Il succo: un torneo integrato di bocce che ha visto alternarsi sui tre campi partite di singolo e coppie, con i ragazzi del Vharese in rappresentanza delle 6 società varesine aperte alla disabilità intellettiva relazionale.
Oltre ai padroni di casa della Malnatese, San Cassano, Alto Verbano, Casciago, Daveriese e Cuviese. Il triangolare organizzato nell’ambito dei festeggiamenti per il 90° della Bocciofila Malnatese, ha messo in luce i diversi aspetti, totalmente positivi, dell’attività integrata sviluppata negli anni dal Vharese che ha trovato terreno fertile e concreta collaborazione in tutta la provincia e in Canton Ticino, sposata da subito dal Comitato Provinciale della Federazione Bocce.
“Non avessimo davanti un mese di luglio ricco di impegni nelle bocce e non solo – le parole della presidente del Vharese Anna Sculli – potremmo dire che questa di Malnate sarebbe la festa di fine stagione ideale, per la fantastica ospitalità della Malnatese e per ogni altro significato ben rappresentato in giornate come questa. Oggi abbiamo fatto la somma di ciò che le società varesine hanno messo in atto nel corso della stagione integrando i nostri ragazzi nelle partite dimostrative comprese nei tornei federali. Inoltre, il bocciodromo di Malnate, dove ormai abitualmente giocano i ragazzi della Cooperativa La Finestra, per noi del Vharese è la pietra miliare, dove tutto è cominciato, per poi trovar casa a Giubiano maoggi possiamo dire in ogni altro bocciodromo dove abbiamo l’opportunità di giocare e trascorrere giornate motivo di crescita per ogni singolo partecipante, per i genitori e per i volontari. In questi mesi le bocce ci hanno regalato gioie e soddisfazioni. Per noi, per la Fisdir e per l’intero nostro movimento. Dai titoli italiani dei nostri Sandro Terziroli e Emanuela Napoli alla consolidata collaborazione con Severino Bonandin e il Sindacato Pensionati della Cigl di Varese organizzatori degli splendidi Giochi di Liberetà, dall’iniziativa con il Club Amici BeiGiurnà alla partecipazione all’inaugurazione del campo bocce degli amici dell’Asa Varese, senza dimenticare la tre giorni all’insegna dell’autonomia trascorsa all’Hub Australian Sport di Gavirate, le vacanze condivise e le stupende iniziative motoristiche con le associazioni Fuori di Quad, Amiis de Feer e Ghiro Treffen.
Tanti amici ai quali dobbiamo un grazie infinito per tutto ciò che riusciamo ad organizzare e a condividere”.
Presenti al triangolare di Malnate anche il presidente padrone di casa Luigi Gualandi e della Daveriese Edoardo Ossola. Bocciofile aperte, attività in crescita, esempi da seguire, alimentare e supportare. Persone giuste al posto giusto, appassionate e portatrici sane di attenzione per gli altri, senza steccati, distinzioni o etichette. Un’isola che c’è!