L’ Handicap Sport Cimberio Varese suona la settima in Europa e va in vacanza

0
457

Si chiude con la conquista del settimo posto l’avventura della Cimberio Handicap Sport Varese nella Final Eight di Eurolega 2 (la ex Willi Brinkmann Cup) a Sheffield, in Gran Bretagna. Un risultato assolutamente onorevole, anche e soprattutto in considerazione del fatto che la squadra guidata da Fabio Bottini ha dovuto affrontare quest’ultimo capitolo della sua stagione in condizioni veramente precarie: già priva in partenza del capitano Francesco Roncari, rimasto a casa a causa di un problema di salute, e di Riccardo Marinello (che, in quanto “normodotato”, non può giocare nelle manifestazioni internazionali), la Cimberio ha dovuto fare a meno nelle ultime due partite anche di Alessandro Nava, a sua volta alle prese con un problema di salute e per questo rientrato in anticipo in Italia.
Il destino della Cimberio si è consumato probabilmente già nella prima partita, contro i russi degli Alyans Nevsky: a lungo in vantaggio, Damiano e compagni si sono arresi nel finale, cedendo per 51-47.
Impossibile l’impresa nella seconda sfida della giornata, quella contro i padroni di casa degli Steelers di Sheffield: già sotto sin dalle battute iniziali (10-24 al primo intervallo e 22-47 alla pausa lunga), i varesini hanno dovuto incassare una sconfitta senza attenuanti (84-58 il punteggio finale a favore dei britannici). E proprio gli Sheffield Steelers si sono alla fine aggiudicati la competizione, prevalendo nella finbalissima sugli spagnoli di Gran Canaria.
Nella terza sfida della fase eliminatoria, la Cimberio, a questo punto priva anche di Nava e dunque con rotazioni limitate a un solo cambio, ha cercato disperatamente di opporsi alla maggiore freschezza dei 99ers di Colonia ma, dopo tre tempi di onorevolissima difesa (29-31 a metà gara, poi 41-49 all’ultimo intervallo), ha dovuto alla fine cedere il passo (72-51 il punteggio finale per i tedeschi).
Nella finalina per il settimo posto la situazione ha determinato una sfida tutta italiana tra i varesini e la GSD Porto Torres e alla fine la Cimberio ha trovato il guizzo d’orgoglio pescando energie insperate in un serbatoio pressoché vuoto vincendo quest’ultima sfida per 49-47.
La stagione si conclude così per la Cimberio con una salvezza conseguita in campionato tutto sommato senza troppo soffrire e con la partecipazione a due manifestazioni europee (prima di questa Final Eight a Sheffield i biancorossi avevano preso parte nei primi giorni di febbraio a una eliminatoria a Elxleben, in Germania).
Ora il pensiero andrà immediatamente alla prossima stagione, che sarà la sesta consecutiva in serie A; ma per centrare nuovamente il traguardo della salvezza sarà necessario che la Handicap Sport Varese trovi nuovi amici che la sostengano e ne supportino gli sforzi.
Intanto a maggio si assegnerà lo scudetto: favoritissima, tanto per cambiare, è la UnipolSai Briantea 84 Cantù (già vittoriosa in Coppa Italia) che nella finalissima al meglio delle tre sfide se la vedrà, piuttosto a sorpresa, con Giulianova.