Atletica paralimpica: Martina Caironi salta sul mondo e la giovane Italia cresce

0
431

Il ricco weekend di gare di atletica paralimpica ha portato ottimi risultati per gli atleti italiani a livello nazionale ed internazionale.
Su tutti svetta Martina Caironi, campionessa iridata ed argento paralimpico nel lungo T42. All’International Meeting Kern Pharma Gran Prix Sauleda di Barcellona, l’atleta delle Fiamme Gialle conquista la migliore prestazione mondiale stagionale saltando 4,73 metri in quella che è diventata da inizio 2018 la sua nuova categoria (T63), a 5 centimetri dal suo record italiano di specialità.
Con lei in Spagna c’era anche Emanuele Di Marino (Fiamme Azzurre), bronzo nei 400 T44 ai Mondiali  di Londra 2017, che si è espresso con buone prove nei 100 (12.19) e nei 200 (25.04). Gaia Rizzi , giovane sprinter della Non Vedenti Milano Onlus, registra 16.12 al traguardo dei 100 e 34.65 nei 200 T11, mentre nella corsa in carrozzina Diego Gastaldi (Sport No Limits Firenze) trova 19.10 e 32.17 sulle stesse distanze T53, e 1:57.79 negli 800. In Italia, al primo Memorial Angelo Petrulli organizzato a Gravellona Toce (Verbania), Nicholas Zani (Sempione 82, nella foto di L.Bartoli) firma con 57.37 il nuovo primato italiano nei 200 T33 rimasto intoccato dal 2000 (59.41), mentre il compagno di squadra Riccardo Bagaini realizza il personal best di 53.71 nei 400 T47. FISPES Academy è ben rappresentata anche da Maria Laura Edith (Polisportiva Quinto Genova) capace di migliorarsi negli 800 T13 con 3:12.32.
Foto Loris Bartoli
Risultati Meeting Barcellona