Nuoto Paralimpico: nessuno come la Polha avvolta nel tricolore

0
827
Photo: © Pietro Rizzato / WPS / FINP

L’occasione della IV tappa delle World Series Para Swimming, è stata sfruttata al meglio dalla Polha Varese che nelle gare valide per il Campionato Italiano di Società di Nuoto Paralimpico è salita sul gradino più alto del podio avvolgendo i suoi atleti nel tricolore. Conquistato nell’aprile scorso il titolo ai campionati giovanili la Polha, composta da 21 atleti dai 9 anni in su, ha fatto incetta di trofei nazionali.
1° classificata “Trofeo Futuri Campioni” di Società, grazie alle vittorie conseguite dalla giovanissima Adlin Cika (2008), da Francesco Nicoletti (2006), Gabriele Lorenzo (2006) e David Galvez Condor (2003).
1° classificata “Coppa Italia Maschile” e 1° classificata “Campionato Italiano di Società” grazie ai punti accumulati nelle varie competizioni dai nostri atleti ed “atletini” capitanati da Federico Morlacchi.
Per la prima volta nella storia del nuoto paralimpico italiano una società festeggia quindi la doppietta, distanziando di 19.000 punti la Lazio seconda classificata a sua volta davanti alla Polisportiva Bresciana.
Ma la Polha non è solo nuoto. Solo nel 2018 sempre più ricco di risultati, la società gialloverde ha contribuito allo storico 4° posto della nazionale azzurra di para ice-hockey alle Paralimpiadi di Pyeongchang con ben 5 atleti, oltre ad assere impegnata quotidianamente, grazie a Banco Bpm e Vector spa, nella didattica e nella divulgazione di vari sport paralimpici.
A Lignano la Polha si è anche distinta, nel terzo giorno della competizione internazionale delle World Series, grazie alle vittorie per l’Italia di Simone Barlaam e Arjola Trimi nelle finali maschili e femminili dei 50 metri stile libero, contro avversari che sono tra i migliori atleti internazionali. Simone Barlaam (cat S9) è stato uno dei sei campioni del mondo a fare la finale maschile. Il diciassettenne della Polha ha continuato la sua ascesa nel mondo del Para Swimming con il tempo di 25.17 nei 50 sl, nuovo Record Europeo.
Con questo tempo, di soli 4 centesimi sotto al record del mondo, Barlaam ha ritoccato il precedente record europeo che già gli apparteneva, e si è innalzato nella classifica di Lignano Sabbiadoro con 1019 punti.
Il campione del mondo S10 del Brasile, Phelipe Andrews Melo Rodrigues (1007 punti), ha concluso al secondo posto e il campione del mondo S13 della Bielorussia Ihar Boki (996 punti) è arrivato terzo.
Anche Arjola Trimi (S4) ha vinto l’oro nella finale femminile con 1000 punti, battendo la connazionale Carlotta Gilli (S13, 979) che si è piazzata terza dietro la canadese Aurelie Rivard (S10, 984 punti) che ha conquistato l’argento.
Risultati Legnano
Al termine della giornata di domenica, l’Italia si è aggiudicata la tappa italiana delle Wold Series con 7 medaglie d’oro, 5 d’argento e 6 di bronzo, ed è prima nel Medagliere Generale davanti agli Stat Uniti d’America (5 ori, 2 argenti, 1 bronzo) e al Brasile (3 ori, 2 argenti e 3 bronzi).
Sito Finp
Facebook Finp
Comunicato Polha Varese-Foto Pietro Rizzato