Hockey ghiaccio paralimpico: Tori seduti Piemonte ospitano il Sud Tirolo

0
69

Dopo la vittoria all’esordio contro la Polha Armata Brancaleone Varese, firmata da Andrea Macrì, i Tori Seduti di Sportdipiù torneranno sul ghiaccio del PalaTazzoli per la seconda giornata del Campionato Italiano di Para Ice Hockey contro i campioni in carica dei South Tyrol Eagles: l’appuntamento è fissato per sabato 9 novembre, alle ore 16, al PalaTazzoli di Via Sanremo 67 a Torino.

A raccontare le proprie sensazioni alla vigilia del match è il nuovo tecnico Renato Vaccarino, reduce dall’ottimo debutto di due settimane fa: “In passato ho sempre detto – dichiara – che mi sarebbe piaciuto allenare i Tori Seduti: mi sto mettendo in gioco perché il para-ice hockey è leggermente diverso dall’hockey in piedi anche se, devo ammettere, ho già collaborato con alcuni dei giocatori preparando il portiere Gabriele Araudo per Campionati Europei e Paralimpiadi. Tra le squadre che ho allenato nella mia carriera ventennale, comunque, posso ammettere con sincerità che questa è quella che mi sta dando le maggiori soddisfazioni perché i ragazzi si impegnano molto, danno l’anima e mi stanno dando molto sia a livello umano che sportivo; siamo in pochi ma con l’arrivo di qualche giocatore nuovo e il ritorno di qualcuno della vecchia guardia come Orazio Fagone poco alla volta ricostruiremo. La morte di Andrea Ciaz Chiarotti, purtroppo, ha scioccato tutti noi ma con la prospettiva delle Paralimpiadi in Italia spero che molti ragazzi abbiano modo di avvicinarsi a questo sport”.

Vaccarino si è poi soffermato sulle possibilità della squadra contro le Aquile:
“La partita di due settimane fa contro Varese – prosegue – è stata perfetta, importantissima perché puntiamo ad entrare nei playoff; contro le Aquile sarà molto più dura perché sono una squadra attrezzata per vincere ma faremo di tutto per ottenere un risultato positivo. Su cosa punterò? Essendo in pochi stiamo adottando un metodo di gioco intelligente con l’obiettivo di dosare le energie in tutti e tre i tempi.

Nell’ultima partita siamo scesi in campo senza cambi riuscendo a tenere testa all’Armata Brancaleone, sia fisicamente che psicologicamente, per tutta la durata della gara: a proposito devo ringraziare la squadra per la grande disponibilità dimostrata nell’applicare le mie indicazioni”.