“Obiettivo tricolore” missione compiuta. Ora tutti con Alex!

0
645

Il testimone di “Obiettivo Tricolore” non s’è fermato, arrivando a Santa Maria di Leuca portato con il sorriso e l’entusiasmo dei protagonisti spinti prima sulla strada e poi virtualmente dal capitano del progetto “Obiettivo 3” Alex Zanardi che li ha voluti al suo fianco per distribuire all’Italia intera la passione e l’esempio che caratterizza gli atleti paralimpici.

Ma corridori ed handbikers in maglia biancoblù, insieme ai tanti che li hanno accompagnati partendo da Lombardia, Piemonte e Trentino Alto Adige, hanno insegnato qualcosa in più. Nessuno di loro, con in testa “il grande vecio” Pierino Dainese, ha avuto dubbi su come esser vicini a Zanardi impegnato nella seconda difficile prova che la vita gli ha riservato. Semplicemente perché per molti di loro Alex è stato ed è lo stimolo per riprendersi una vita sfuggita di mano e poi ripresa. Chi per vincere, chi per divertirsi, chi molto più semplicemente per ricominciare a vivere con il sorriso accarezzato dal vento. 

“Questi ragazzi – le parole di Pierino Dainese sul sito obiettivo3.com – hanno fatto propria la lezione di Alex, dimostrando come la disabilità sia una caratteristica e non certo un limite”. 

Asciugato il sudore, la squadra di Obiettivo 3 si stringe ora intorno al suo capitano, addormentato in un letto del Policlinico di Siena, donandogli, insieme all’Italia intera, l’energia per la regola, la sua regola, dei 5 secondi: “Quando in una gara ti accorgi di avere dato tutto, ma proprio tutto, tieni duro ancora cinque secondi, perché è lì che gli altri non ce la fanno più”. Appunto Alex, gli altri, non tu.

Foto del titolo: Daniele Giannetta

Leggi anche
Staffetta Obiettivo3 il via da Luino
Partita da Luino la grande corsa di Obiettivo3

Info: www.obiettivo3.com