Michele Sanguine: “Ecco la mia proteina!”

0
2114

Toro Seduto è tornato! Niente a che vedere con il fantasma del leggendario grande capo indiano ma un uomo in carne ed ossa con una quantità di attributi da donare a piene mani. Michele Sanguine dagli indiani non ha preso solo il suo nome da disc jockey. Seduto perché la distrofia è entrata nella sua vita mettendolo a sedere su una sedia che come gli indiani ha le frecce. Differenza sostanziale è che Michele in una riserva non c’è mai stato e mai ci starebbe deciso com’è a realizzare ogni sua idea partendo dalle passioni per sport e musica. La nuova ripartenza di Toro Seduto è “Proteina”.
“Fin dalle elementari mi è nata la passione per la musica, in particolare la batteria – racconta Michele – Ascolto musica tutto il giorno e alla televisione preferisco di gran lunga la radio. Da un po’ di tempo m’è nata l’esigenza di una creare una canzone tutta mia. Da subito ho pensato ad un rap, per superare ogni difficoltà dovuta alla mia maschera nasale. La prima motivazione per mettermi all’opera è stata soprattutto l’originalità dell’idea perché non ho notizia di un ragazzo con la distrofia muscolare di Duchenne che canta ed è protagonista di un video musicale. Primo problema il testo. Pensandoci forse un po’ troppo non mi veniva in mente niente. Poi, quando ho mollato il colpo prendendomi una pausa ecco che all’improvviso, una sera, m’è arrivata l’ispirazione e l’ho scritto di getto. Non mi interessava scrivere una storia ma la mia storia. Dall’amarezza di aver come compagno di scuola un bidello perché con gli altri bambini era meglio non giocassi per via della mia perenne debolezza, alla gioia di sentirmi una persona sana quando mi capita di esser vicino ad una bella ragazza. Poi sono cominciati gli arrangiamenti per i quali ho chiesto un’aiuto a Giovanni Cartier che ha confezionato il tutto al meglio per essere proposto alla “Tanella Productions“ che in un paio di giorni ha realizzato anche il video clip girato tra Gallarate e Legnano”.
Oggi è il gran giorno di un sogno realizzato per non vivere in riserva.
”Proteina” canta la vita di un Toro Seduto con molte altre frecce da scagliare. Da tempo al microfono di Radio Number One, da oggi su You Tube: “Proteina”.

CONDIVIDI
Articolo precedenteSi, Varese è solidale!
Articolo successivoFisdir a cavallo!
Vivo in un circo ma non sono un pagliaccio