HS Cimberio: l’orgoglio non basta, i due punti sono di Giulianova

0
229
Gabriele Silva

Cimberio Handicap Sport Varese – Amicacci Giulianova 53-63
(18-17, 34-25, 43-37)
Cimberio: Damiano 6, Nava 10, Silva 23, Binda 12, Diene 2; Segreto. N.e. Pedron, Sharma e Gonzalez Alvarez. All. F. Bottini.
Amicacci: Minella, Ion, Kozaryna 7, Gharibloo 26, Mena Perez 6; Marchionni 4, Macek 6, Miceli 8, Brown 4, Labedzki, Ozcan 2.
All. A. Accorsi.
Arbitri: Pisanu e Trematerra.
Note – Tiri liberi: Cimberio H.S. 5 su 9, Amicacci 2 su 4. Nessuno uscito per 5 falli.
La Cimberio Handicap Sport chiude il girone di andata senza vittorie ma lo fa con la migliore prestazione stagionale. Se si osserva il divario finale (10 punti di scarto), si può immaginare la “solita” prestazione orgogliosa dei varesini e nulla più.
Non è così: basti dire che la squadra di Fabio Bottini ha guidato ininterrottamente dal primo minuto di gioco sino al 35′, quando la Amicacci ha impattato sul 47-47, subendo il sorpasso solo al 37′ (49-51) e concludendo esausta con la concessione di qualche facile contropiede alla formazione abruzzese.

La Cimberio ha cominciato la partita con la giusta carica, pur dovendo sopportare, oltre all’assenza di Roncari che dura dall’inizio di campionato, anche quella di Barros, infortunatosi nell’allenamento di venerdì sera. Praticamente senza possibilità di rotazioni (Segreto unico cambio possibile, in campo per 8 minuti per fare rifiatare Damiano), i varesini hanno prodotto un’ottima difesa, trovando in attacco molte soluzioni vincenti, non solo con Silva ma un po’ con tutto il quintetto. E peccato che Diene abbia fallito da sotto quattro facilissime conclusioni, altrimenti anche l’esito finale sarebbe stato forse diverso.

Si diceva dell’ottimo inizio di Damiano & C.: subito 8-0, poi 14-4 al 5′ prima di subire il parziale rientro degli avversari alla prima sirena (18-17). Identico il canovaccio del secondo periodo, con la Cimberio a spingere sino al massimo vantaggio (32-21 al 17′) e a chiudere il quarto con la partita saldamente in pugno (34-25).

Dopo l’intervallo lungo, la Amicacci si è presentata con un perentorio 6-0 ma la Cimberio ha tenuto duro e a fine quarto ha dimostrato di avere ancora energie e iniziative per vincere (43-37). Nell’ultimo periodo di gioco però sono affiorate tra i varesini le tossine da fatica. Con Gharibloo incontenibile sotto i tabelloni (alla fine per lui 12/18 al tiro, 10 rimbalzi e 7 recuperi!), la Amicacci si è avvicinata (43-41), ha pareggiato (47-47) e sorpassato per la prima volta (49-51 al 37′), chiudendo in bellezza con due punti che valgono il terzo posto in classifica, posizione che del resto gli abruzzesi occupano ormai da anni nel ranking nazionale.

Su tutti, come sempre, Gabriele Silva (10/17 dal campo, 3/3 dalla lunetta e 9 rimbalzi), ben assistito in attacco da Binda (5/17, 6 rimbalzi e 7 assist), da un intraprendente Nava (5/8 e 3 assist) e dal metronomo Damiano (3/6, 4 rimbalzi e 5 assist), mentre Diene ha sbagliato molto al tiro (1/5) ma ha raccattato il solito gran numero di rimbalzi (11).

Alla Cimberio resta la consolazione, non proprio magra, di una prestazione che induce all’ottimismo per la seconda parte di campionato e, soprattutto, in previsione dei playout. Questa squadra davvero non merita l’ultimo posto e tanto meno la retrocessione.

I RISULTATI (7a giornata di andata)
Cimberio H.S. Varese – Amicacci Giulianova 53-63
S.Stefano P.P.Picena – Santa Lucia Roma 59-53
Special Sport Bergamo – Banco Sardegna Sassari 50-65
UnipolSai Briantea 84 Cantù – Key Estate Porto Torres 72-68.
LA CLASSIFICA
UnipolSai Briantea 84 Cantù punti 14; S.Stefano P.P. Picena 12; Amicacci Giulianova e Key Estate Porto Torres 8; Santa Lucia Roma e Banco Sardegna Sassari 6; Special Sport Bergamo 2; Cimberio H.S. Varese 0.
PROSSIMO TURNO (1a giornata di ritorno, sabato 19/01)
Cimberio H.S. Varese – Key Estate Porto Torres (ore 15)
Special Sport Bergamo – Amicacci Giulianova (ore 18)
Banco di Sardegna Sassari – S.Sytefano P.P. Picena (ore 18)
UnipolSai Briantea 84 Cantù – S. Lucia Roma (ore 20.30)