Europei di atletica. Italia OK: Caironi d’oro incorniciata da 10 medaglie

0
118
Martina Caironi

Cala il sipario sulla settima edizione dei Campionati Europei Paralimpici di Atletica leggera. A Bydgoszcz l’Italia esce a testa alta con dieci medaglie (2 ori, 1 argento, 7 bronzi), un record del mondo ritoccato due volte da Martina Caironi nel lungo T63, un primato europeo, quattro record italiani e ottime prestazioni da parte di tutti i componenti della delegazione azzurra.

A conclusione dell’Europeo, il Presidente FISPES Sandrino Porru è orgoglioso di questa squadra: “È stata una rassegna europea molto particolare, dettata dalla decisione di lasciare a casa parte dei nostri atleti top level per preparare al meglio l’appuntamento paralimpico di Tokyo. L’esperienza è stata ugualmente entusiasmante grazie ad una squadra di seconde linee e di giovani che sono stati capaci di conquistare ben 10 medaglie, con 8 atleti sul podio. Ancora più lusinghiero è riscontrare che gran parte di loro abbia fatto registrare il proprio personal best, da aggiungere ad un record europeo e al fantastico primato mondiale della Caironi, rientrata in squadra nel migliore dei modi. Posso sicuramente ritenermi soddisfatto di come il team abbia rappresentato un’atletica paralimpica italiana viva e in forte crescita. Sono sicuro che il loro lavoro e le loro testimonianze potranno servire al reclutamento di nuovi atleti, primo obiettivo che la nostra Federazione si pone con dedizione e professionalità. Per tutti questi importantissimi risultati, desidero ringraziare l’intero staff tecnico nazionale, gli amici di Inail, lo staff federale, i nostri compagni di viaggio e, in particolare, tutte le società sportive di provenienza degli atleti: ancora una volta una grande squadra coesa e determinata che ci ha permesso di competere nel migliore dei modi”.

Anche il Direttore tecnico nazionale Vincenzo Duminuco fa un bilancio delle prestazioni degli Azzurri: “Esperienza senza ombra di dubbio positiva anche se vissuta da casa davanti lo schermo di un PC e attaccato al cellulare. Mi ritengo abbastanza soddisfatto sia dal punto di vista dei risultati che della serietà mostrata da tutti i partecipanti che hanno anche saputo creare un ottimo clima di squadra. Il bilancio finale, in termini di medaglie, è perfettamente in linea con quanto mi aspettavo. Per precise scelte tecniche abbiamo rinunciato ad almeno 8 medaglie ‘pesanti’ puntando forte su Tokyo. I conti tornano tutti. Conferme importanti ed esordi positivi ci hanno mostrato una squadra solida, compatta, con grosse potenzialità di crescita sia a breve che a lungo termine.

Indubbiamente ho qualche rammarico per gli infortuni che hanno impedito a ben tre atlete di prendere parte alla competizione continentale e a Simone Manigrasso di mostrare i grossi progressi ottenuti in un anno di silenzioso lavoro. Infine, un ringraziamento a tutto lo staff tecnico, organizzativo, sanitario e della comunicazione che non hanno lesinato energie e ore di sonno per far sì che tutto andasse per il meglio, così come pure ai tecnici Inail di insostituibile supporto. Ovviamente tutti (anche i non presenti) sono chiamati a dare conferma del loro livello prestativo in occasione dei prossimi Campionati Italiani Assoluti del 3 e 4 luglio a Concesio, che rappresenteranno l’ultimo appuntamento importante prima delle convocazioni per le Paralimpiadi di Tokyo”.

Medagliere Italia
Oro (2)
Martina Caironi nei 100 e lungo T63
Argento (1)
Arjola Dedaj nei 100 T11
Bronzo (7)
Riccardo Bagaini nei 400 T47
Marco Cicchetti nel lungo T44-64
Riccardo Cotilli nei 100 T44-64
Arjola Dedaj nel lungo T11
Ndiaga Dieng nei 1500 T20
Alessandro Ossola nei 100 T63
Nicky Russo nel peso F35

Risultati
Sito della manifestazione

Giuliana Grillo
Ufficio Stampa FISPES
g.grillo@fispes.it