Il derby lo vince la Briantea ma Varese è da applausi

0
210

UnipolSai Briantea 84 Cantù – Cimberio Handicap Sport Varese: 55-49
(11-14, 28-22, 47-37)
Unipolsai: De Maggi 12, Berdun 15, Sagar 4, Geninazzi 5, Perez, Santorelli 6, Raourahi 5, Carossino 8, Morato. All. Marco Bergna.
Cimberio: Damiano 10, Nava 5, Silva 9, Binda 15, Diene 4, Segreto, Barros 6. N.e. Sharma e Gonzalez Alvarez. All. Fabio Bottini.
Arbitri: Volpe e Santangelo.
Note – Tiri liberi: UnipolSai 3 su 5, Cimberio 7 su 11. Nessuno uscito per 5 falli. Spettatori: circa 600.

Alzi la mano chi avrebbe previsto una conclusione così “ravvicinata” nel punteggio nella sfida tra i campioni d’Italia della UnipolSai Cantù, prima in classifica a punteggio pieno, e la Cimberio Varese, ultima in graduatoria sia pure a pari merito con Bergamo.

Invece l’orgoglio e l’impegno dei varesini da una parte e forse una certa sufficienza da parte dei canturini dall’altra hanno almeno parzialmente riequilibrato una partita dall’esito sulla carta più che scontato. Sia chiaro, la Cimberio non ha mai dato l’impressione di poter davvero vincere, così come la UnipolSai non ha mai rischiato veramente di perdere; tuttavia i padroni di casa non hanno mai dominato il match e gli ospiti hanno così potuto chiudere la sfida con un passivo assolutamente onorevole.

La Cimberio è scattata benissimo ai nastri di partenza (7-12 al 7′, 11-14 alla prima sirena), ma poi ha dovuto subire la rimonta canturina che non ha comunque travolto Silva e compagni (28-22 all’intervallo lungo). Nel terzo periodo i varesini hanno retto il passo (34-28 al 24′) per poi accusare un momento di difficoltà (sul 45-32 al 27′ il massimo vantaggio canturino) ma nell’ultimo quarto ai padroni di casa è bastato controllare la situazione e alla formazione di Fabio Bottini è riuscito di chiudere in rimonta, concludendo la partita con soli 6 punti di passivo.

Da sottolineare la solita prova offensiva di rilievo di Silva (4/9 al tiro, 11 rimbalzi
e 8 assist) e di Binda (5/8 dal campo, 5/6 dalla lunetta e 8 rimbalzi) ma anche l’ottima regia di Damiano (5/10) che quando ritrova la sua ex squadra dà sempre qualcosa in più, e di Nava (2/4), impiegato a lungo anche per le ancora imperfette condizioni di Barros (3 su 4).

Sabato prossimo la Cimberio sarà di nuovo in trasferta, questa volta a Sassari, poi, la settimana successiva, sarà presente in Austria a un concentramento di Eurolega.

I RISULTATI (4a giornata di ritorno)
S.Stefano P.P. Picena – Special Sport Bergamo 71-44
Santa Lucia Roma – Amicacci Giulianova 60-77
Key Estate Porto Torres – Banco Sardegna Sassari 73-57
UnipolSai Briantea 84 Cantù – Cimberio H.S. Varese 55-49.

LA CLASSIFICA
UnipolSai Briantea 84 Cantù punti 22; S.Stefano P.P. Picena 18; Amicacci Giulianova 16; Key Estate Porto Torres 12; Santa Lucia Roma 10; Banco di Sardegna Sassari 6; Special Sport Bergamo e Cimberio H.S. Varese 2.

IL PROSSIMO TURNO (2 marzo)
Banco di Sardegna Sassari – Cimberio H.S. Varese (ore 18)
Amicacci Giulianova – S.Stefano P.P. Picena (ore 18)
Special Sport Bergamo – UnipolSai Briantea 84 Cantù (ore 18)
Key Estate Porto Torres – Santa Lucia Roma (ore 19).