Giornata nazionale sindrome di Down: mai abbastanza

0
2710

Come ogni anno, alla vigilia della giornata nazionale della sindrome di Down ragazzi e genitori dell’Associazione più di 21 di Cassano Magnago si sono dati da fare al fianco dei dipendenti delle Esselunga e dei punti vendita Deichmann da Varese a Castellanza sconfinando a Legnano. Una sorta di aperitivo del programma di domenica quando in 200 piazze italiane ragazzi e genitori instancabili hanno raccontato attività e iniziative.
“Per tutti noi la giornata nazionale promossa da Coordown è un momento importante come ogni altra opportunità che abbiamo di farci conoscere – racconta la presidente dell’associazione + di 21 Antonella Cibin – I nostri ragazzi studiano e lavorano con grande impegno su ogni opportunità utile a crescere.
La nostra associazione propone il Club Autonomia rivolta a giovani dai 14 ai 18 anni che ogni volta sanno stupirci per le abilità che riescono a sviluppare. Poi c’è il Club liberamente grandi, quello dedicato all’esplora-attiva-mente, l’arte terapia e lo sport con il karate, il calcio ed ogni altra possibilità di attività motoria.
Senza dimenticare i corsi di pasticceria, cucina e sala collegati alla nostra casa di ‘Amicorum’, che condividiamo con gli amici di Parkinson Insubria, dove i ragazzi possono dar sfogo a talento e capacità nel preparare cene, servire ai tavoli e al bar.
Un’energia infinita che contagia noi genitori sempre al fianco dei nostri figli ogni giorno che non può limitarsi a giornate importanti come quelle nazionali e internazionali utilissime ad accendere quei riflettori che per il resto dell’anno faticano a restare accesi.
Ecco, il nostro primo impegno è quello di alimentare questa luce affinché per i nostri figli possa esistere ogni possibilità di una vita come ogni altra vita dev’essere”.
Nella giornata di sabato a far visita ai ragazzi della + di 21 al gazebo del negozio Deichmann di Legnano è arrivato l’handbiker Paolo Cecchetto, campione del mondo e medaglia d’oro alle paralimpiadi di Rio de Janeiro.
“Vengo con piacere da questi ragazzi perché hanno un entusiasmo raro quanto genuino – ha detto Cecchetto – Sono anch’io genitore e so bene quanto sia priorità il presente e il futuro dei nostri figli. Quando e come posso ci sarò sempre per dare il mio contributo alla + di 21 come ad ogni altra realtà o persona che non chiede la luna ma solo di vivere una vita fatta di porte aperte”.
Da Legnano a Varese, all’Esselunga di Masnago è arrivato il delegato provinciale del Coni, Marco Caccianiga.
“Non so se e come posso essere utile ma ogni occasione come questa dovrebbe sempre prevalere sul poco altro che la nostra quotidianità comprende – dice Caccianiga – Sono reduce da una trasferta con i ragazzi di calcio Fisdir dove ogni momento e ogni incontro mi ha regalato uno spunto di riflessione insieme ad infinite emozioni.
Certo, una trasferta o una giornata sono poca cosa rispetto all’impegno di questi genitori e dei loro figli e quindi nessuno si deve chiamare fuori nell’esserci per formare una squadra sempre più numerosa e forte in grado di abbattere ogni ostacolo, materiale e mentale”.
Info: Associazione + di 21Amicorum