Europeo basket sordi. Donne in semifinale, azzurri ko con la Turchia

0
144

La Nazionale femminile festeggia l’ingresso in semifinale del Campionato europeo di basket sorde mentre nel torneo maschile gli azzurri hanno pagato dazio con la Turchia classificandosi al terzo posto nel girone.
Alla quarta gara in quattro giorni, gli uomini sono stati capaci di riaprire una partita che pareva già morta all’intervallo (35-20), con la Turchia che faceva valere la sua stazza.
Rimonta esaltante nel terzo quarto, con la difesa che si fa più arcigna e i tiri dal perimetro che finalmente iniziano ad entrare, aprendo l’area avversaria. Preziose le due triple di Piras che riporta a contatto gli azzurri (46-44 al 28′) prima di un parziale turco di 9-0 che sembra chiudere il conto. E invece no, perché la squadra di coach Tumidei non molla proprio mai ritrovando finalmente le mani calde di Luca Canali e Peter Pozzoli, fino al sorpasso siglato da un Papa senza paura (63-64) a meno di 2′ dalla fine. Tutto si decide nei secondi finali, con un canestro rocambolesco degli avversari infilato in una situazione confusa, dopo un paio di rimbalzi offensivi. L’Italia ha la possibilità di portare comunque la Turchia all’overtime ma l’ultima tripla di Canali si spegne sul ferro fermando il risultato finale sul 64-67. Peccato, ma l’atteggiamento di questa squadra resta straordinario: “Non ho niente da recriminare ai miei ragazzi – commenta coach Alessandro Tumidei – la differenza l’hanno fatta i rimbalzi d’attacco e la loro fisicità, mentre noi abbiamo pagato anche lo stiramento di Bartoli, uno dei nostri lunghi. Pozzoli ha fatto di tutto, dal pivot al play. Siamo entrati troppo molli, è vero, ma forse quel break ci ha anche un po’ svegliato e dal -15 siamo tornati a giocarcela sino alla sirena”.
Ai quarti gli azzurri incontreranno l’Ucraina:
“Se mettiamo in campo il cuore che abbiamo dimostrato in questi Europei io dico che non dobbiamo avere paura di nessuno”.
Morale alle stelle in invece nella squadra di Sara Braida che ha domando senza particolari problemi la Polonia (45-30) accede in semifinale del torneo femminile. Tra le azzurre e la finale per il titolo continentale c’è solo l’ostacolo rappresentato dalla Turchia.
“Questa vittoria è da condividere con l’intero staff – sottolinea coach Braida – La presenza in campo di una giocatrice per noi fondamentale come Giulia Sautariello la dobbiamo alla sua determinazione ma anche e soprattutto al grande lavoro della nostra fisioterapista”.

INFO
Responsabile Comunicazione
Micaela Monterosso
+39 3481237599
micaela.monterosso@gmail.com
Sito Web
Pagina Facebook